Nuova potatura scellerata: aggiornamento

Mano pesante per la Potatura. Così titola l'articolo de Il Gazzettino Venezia Mestre del 24 marzo 2015.

 

in allegato l'articolo di denuncia.

Aggiornamento del 8 aprile:

Sig. presidente della Municipalità di Favaro Veneto VE

Il sottoscritto dott. Gianpaolo Pamio delegato della LIPU Onlus Sezione di Venezia, a seguito due segnalazioni giunte a questa sezione, in merito a delle potature ritenute eccessive, ha fatto svolgere un accertamento in loco a mezzo i propri volontari, in Venezia - Favaro Veneto presso il Centro Anziani in Via Gobbi e presso il parcheggio scambiatore in Via Altinia fronte fermata degli autobus. 

Tale sopralluogo ha rilevato veritiero quanto riferito, i volontari LIPU hanno constatato quanto segue:

- che tali interventi sono da valutarsi pregiudizievoli nei confronti delle piante, senza nessuna giustificazione scientifica ed assolutamente non inquadrabili come potatura ordinaria o straordinaria ed in netto contrasto con le attuali conoscenze in materia di arboricoltura ornamentale.

 - che le piante sottoposte a simile trattamento avranno nel breve e nel medio periodo i seguenti problemi così sinteticamente riassunti:

 -per ricostruire la chioma l’albero deve attingere a tutte le sue riserve, indebolendosi fortemente, diventando così molto vulnerabile agli attacchi delle patologie, soprattutto quelle degli agenti di carie;

- la chioma ricostruita offrirà minori garanzie dal punto di vista statico, diventando con il passare degli anni molto più a rischio di rottura; ciò è facilmente riscontrabile dall’esito delle valutazioni di stabilità effettuate a cura dei professionisti del settore negli ultimi vent’anni.

- la sottrazione della gran parte dell’apparato fogliare, oltre a indurre a morte precoce dell’albero in alcune specie, elimina per lunghi periodi i desiderati effetti che le piante, specie in ambiente urbano sono in grado di offrire e che rappresentano una delle ragioni principali per le quali vengono piantate; a tale proposito basti pensare alla capacità di filtro per gli inquinanti presenti nell’aria, alla mitigazione del calore, all’ombra prodotta, ecc.

 Alla luce di quanto riferito si richiedono spiegazioni circa l’effettuazione di tali attività.

 Cordialmente

                                                                 Il resp. LIPU/BirdLife Sez. Venezia

                                                                         Dott. Gianpaolo Pamio

Ecco le foto:

 

 

Informazioni aggiuntive